Homepage » Produzioni » Caravankermesse
Caravankermesse
Caravankermesse
Caravankermesse

Caravankermesse


ovvero

INTERNO


Azione-entratteinment per un attore (signor Ker) della durata di 30 minuti. L'area esterna offre la visione realmente proporzionata di un camper e di ciò che lo circonda: una passerella d'ingresso disegnata da un tappeto rosso e protetta da una veranda luminosa, un carretto, corde, gabbiette, meccanismi ludici. è il luogo in cui si scelgono i cinque spettatori che di volta in volta possono entrare, qui i movimenti sono ancora ampi e liberi e l'attenzione è tutta rivolta all'ingresso e all'attesa, dall'interno giungono suoni, vibrazioni e scie luminose. Progressivamente il numero del pubblico diminuisce 25, 20 ,15, 10 fino ai cinque ultimi fortunati che dopo aver assistito al completo susseguirsi dei gruppi, possono finalmente entrare.


ESTERNO

Azione per un' attrice (miss. Messe) della durata di 30 minuti per 10 spettatori che viene ripetuta cinque volte nell'arco dello spettacolo. Giunti all'interno le proporzioni vengono stravolte e cinque giganti (pubblico) si trovano circondati da equilibristi, nani, contorsionisti, clown, acrobati, lanciatori di spilli, elefanti, cavalli, donne cannone, uomini proiettile, oche canterine, mangiatori di fuoco, vecchi personaggi della memoria chiusi in minuscole valige...e tutti rigorosamente inferiori ai 20 centimetri. In dieci minuti tutti i micro-artisti avranno l'occasione di esibire il loro numero eccezionale e se non avrete gli occhi lucidi e i sogni a portata di cuore vi appariranno invisibili e inafferrabili.


PERSONAGGI

per la prima volta sulla scena Mister Van. Il signor Ker. La signorina Messe.


GIOCHI:

1 - Cosa stà pensando il signor Ker. 2 - I micro-oggetti nelle tasche. 3 - Muovi il cuore a miss. Messe. 4 - La più alta torre di cristallo.

Un tempo ridevo soltanto a veder l'incanto di noi vestiti di piume e balocchi con bocche e soffietto e rossetto negli occhi scimmie vecchiette ubbedienti e cavalli sapienti sul dorso giocar ridere era come amar poi ripetendo il mestiere si impara il dovere di recitar e pompa il salone il suo fiato e il riso è sfiatato dal troppo soffiar di creta mi pare il cerone si appiccica al volto il mal del buffone ridere vorrei stasera ridere vorrei per me un due tre all'erta gli elefanti in piedi saltino le pulci avanti attenti passa il domatore l'anima che ride ride e sempre riderà come una preghiera i trapezi ronzavano elettrici uccelli di piuma in mondo di luna legati i compagni per mano libravan da pesci vicini e lontano si sfioran d'un tratto i due bracci appesi nell'aria come due stracci sul sangue buttarono rena e entraron di corsa i pagliacci e sempre ridere per compiacere la sala piena da mantenere che bello udire l'applauso ilare gonfiar la sala scacciare il male e sempre cedere con batticuore a sogni e parole da far scoppiare il padrone ha la tuba allungata ed ha baffi arditi e in fondo già sa che restiamo alla frusta qui uguali felici e incapaci di esser normali e allora ridano gli altri stasera ridano gli altri per noi ridano gli altri stasera ridano gli altri di noi.


DATI TECNICI

produzione: Isolecomprese.
ideazione, regia, interpretazione: Batignani David e Curci Natascia.
durata: 60 min, (in una serata lo spettacolo viene rappresentato due volte).
numero spettatori: 25 (50 per ogni serata).
scheda tecnica: Spazio accessibile ad un motocaravan, presa di corrente 230 volts.


L'INTERVISTA

PER UN TEATRO IN CERCA DEL SUO PUBBLICO
La compagnia IsoleComprese Teatro irrompe al Festival Contemporanea 'occupandò una piazza cittadina con un camper. Niente di abusivo e fuorilegge: tre personaggi un pò da circo e un pò da sanatorio hanno ottenuto la licenza di travolgere gli spettatori con giochi di prestigio, animali di pezza cinguettanti e claustrofobici ambienti su quattro ruote. Gli spaesati avventori assistono dall'esterno intrattenuti dal Dottor Kerr, prima di essere consegnati nelle grinfie di Misses Messe Incontriamo Natascia Curci e David Batignani, alias Messe e Kerr in Caravankermesse, a poche ore dal debutto.

Volete raccontarci qualcosa su questo progetto? Come siete giunti al mondo del circo e del teatro di strada?
Questo spettacolo parte da una crisi. Ci trovavamo in una situazione di stallo, l'ambiente teatrale era chiuso. Eravamo continuamente alla ricerca di spazi dove mostrare il nostro lavoro, "spremendoci" per capire cosa poteva essere accettato e cosa no. Non avevamo più certezze su quello che stavamo facendo nel teatro, ma anche nella vita. Siamo così arrivati a pensare di costruire, in modo del tutto artigianale, dei micromondi. Abbiamo immaginato oggetti e spazi piccoli, quasi tascabili, ma che riuscissero a parlare di tutto il resto. Ma come potevamo riuscire a mostrare queste miniature? A che tipo di spazi si potevano adattare? Una scatola, una valigia, una borsa...oppure un camper! Ci è venuto in mente di portare in giro la nostra casa e tutte le storie che ci stanno dentro. E di muoverci verso il pubblico.

stata la volontà di rompere con il sistema o piuttosto si è trattato dell'urgenza di raccontare e raccontarvi che vi ha fatto prendere questa decisione?
Oggi, nel teatro, si rischia di rimanere bloccati in situazioni di gabbia. Se non sei 'dentrò rischi di rimanere paralizzato. Questa condizione è esemplificata nel personaggio 'Mister Van' dello spettacolo. Eppure, questa non è l'unica logica possibile. Si può partire da quello che senti tuo e tentare di raccontarlo. Noi abbiamo unito il viaggio, la continua ricerca di nuovi stimoli, con la festa: da qui il titolo Caravankermesse. Quello che proponiamo non è il semplice racconto della nostra storia...abbiamo provato a trasporre le nostre sensibilità in una situazione inventata.

E a proposito del camper, volete dirmi qualcosa in più?
una scommessa: andiamo incontro al pubblico nelle città non sapendo mai quale sarà la reazione della gente. Ogni sera è una sorpresa! Gli spettatori, che facciamo entrare nel camper, divengono anche i nostri ospiti. Ci sono due tipi di spazio nello spettacolo: fuori dal camper, dove il Signor Kerr intrattiene tentando di ridurre gesti e azioni, e l'interno, dove tutto è piccolo ma tenta di produrre sensazioni forti e "grandi". Anche un luogo in apparenza claustrofobico può fare viaggiare con la mente, mentre nella piazza si può essere costretti a rimanere immobili.
Misses Messe, che sta dentro, protegge la propria intimità di donna e fa entrare solo poche persone alla volta. Grande/Piccolo e Uomo/Donna sono i poli entro i quali facciamo muovere gli spettatori. La stessa vicenda, se cambi il punto di vista, può assumere prospettive molto discordanti.

Dove si colloca il mondo del circo nel progetto?
Questo non è uno spettacolo che racconta il circo. Siamo sempre stati affascinati dalle "periferie" di questo ambiente: le roulotte parcheggiate, quasi dimenticate dopo gli spettacoli, per esempio. C'è una componente molto malinconica, che è quella cerchiamo di indagare.
Senza dimenticare il nomadismo insito in questa forma d'arte: anche il teatro è un viaggio, un tentativo continuo di non fissarsi in una forma prestabilita.
C'è un immaginario preciso al quale vi rifate? Ho notato che citate, nella presentazione dello spettacolo, I Pagliacci di Capossela. Anche le visioni di Fellini sono tra le prime cose che saltano alla mente...
Capossela è un punto di partenza. Ci racconta il "sentimento del circo" come lo potrebbero percepire un bambino o un anziano: tutti lo conoscono, chiunque ne conserva un ricordo nella memoria.
Ci sentiamo vicini anche a Toulouse-Lautrec e a Charlot: entrambi non ci descrivo "il circo", ma scelgono angolazioni laterali, mostrandoci il momento in cui i riflettori si sono spenti.
Siamo molto legati anche a Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders. Ci troviamo una necessità forte di credere nei sogni, di aggrapparsi a qualcosa in cui si crede fortemente.

Mi sembra di avere capito, in questa chiacchierata, che il vostro percorso parte da un rifiuto verso una situazione asfittica e tenta di rifondare un senso del fare teatro partendo da dati "semplici", che vi portate dietro come artisti e persone. Dove sta, quindi, la necessità del teatro oggi?
Il teatro, principalmente, ti permette di entrare in contatto con delle persone. Grazie al teatro si può rifondare una dimensione di ascolto reciproco. Ma, per fare questo, bisogna ripartire dalla semplicità. E dal silenzio. Quanto è difficile stare in silenzio, al giorno d'oggi! Sarebbe bello potere ospitare la gente nelle proprie case-teatro, senza avere timore di mostrarsi, denudarsi. Senza la continua ansia del buon risultato. Provare a "lasciare un colore" senza imporre nulla a nessuno.

Come tenterete di mostrare il vostro lavoro, dopo il festival?
Caravankermesse è in prova da gennaio circa. Non abbiamo più intenzione di aspettare. Ci muoveremo, andremo nelle piazze, chiedendo i permessi come fanno i luna park. Se poi qualcuno ci inviterà dopo averci visto in una piazza sperduta, avremo raggiunto il nostro obiettivo!
LORENZO DONATI

torna su >